News

Ciascuno Stato membro dell’UE può considerare i servizi di pagamento mobile come «servizi economici di interesse generale» (SIEG), assoggettandoli a specifici obblighi di servizio pubblico. Ad affermarlo è la Corte di giustizia dell’Unione europea nella sentenza del 7 novembre 2018, Commissione v Ungheria (C-171/17).

Qualificare i servizi come SIEG genera rilevanti conseguenze: in presenza di determinati presupposti, infatti, i SIEG possono essere esentati dall’applicazione delle regole di concorrenza e libera circolazione previste dal TFUE e dalla Direttiva Bolkenstein 2006/123/CE.

Nell'ambito della partnership Coldiretti Veneto-BM&A, si è svolto a Campagna Lupia il 24 ottobre un nuovo incontro formativo dedicato a tutto tondo ai temi del digitale. Protagonista particolarmente attivo ed attento un nutrito gruppo di imprenditrici di Coldiretti Venezia, che hanno discusso ed approfondito con l'avv. Sara Gobbato alcuni temi chiave: ecommerce, pubblicità online ed il nuovo quadro normativo in materia di protezione dei dati personali.

Coldiretti Veneto estende all'export la partnership con BM&A, studio legale leader per competenza specialistica in materia di commercio internazionale, per anticipare e gestire tutti i diversi e complessi temi inerenti la contrattualistica, le operazioni di esportazione e le eventuali controversie con le autorità competenti o le controparti commerciali. Una task force di avvocati, fra cui alcuni giovani esperti in "diritto digitale", che lavorerà a fianco della Coldiretti per assistere le imprese agroalimentari in un momento in cui l'e-commerce dell'agri-food in Italia continua a registrare un incremento a due cifre del valore delle transazioni.

Il 25, 26 e 27 ottobre si svolgerà a Padova la seconda edizione degli Open Innovation Days¸ una “tre giorni” di incontri serrati e format originali che spaziano dai “processi” ai “tavoli di discussione partecipata”, che permette a ricercatori, imprenditori, studenti e cittadini di confrontarsi sui grandi temi che caratterizzano il nostro presente e attraverso i quali costruiamo il nostro futuro: le reti umane e digitali, l’economia circolare e le cure del futuro.

Tra i numerosi relatori, anche lo Studio BM&A con l’avvocato Sara Gobbato.

L’8 ottobre il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha pubblicato i propri chiarimenti in merito all’obbligo di tenuta del registro delle attività di trattamento da parte di imprese ed organizzazioni con meno di 250 dipendenti.

In generale, ai sensi dell’art. 30 GDPR, “[o]gni titolare del trattamento e, ove applicabile, il suo rappresentante tengono un registro delle attività di trattamento svolte sotto la propria responsabilità”. Il GDPR prevede una deroga, al suddetto obbligo, in favore delle imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha avviato un’istruttoria nei confronti di TicketOne e della controllante tedesca CTS Eventim AG & Co. per abuso di posizione dominante (art. 102 TFUE). In particolare, secondo quanto prospettato nel provvedimento d’avvio del procedimento, TicketOne deterrebbe una posizione dominante nel mercato italiano dei servizi di ticketing per eventi di musica live (concerti pop e rock).

The World Customs Organisation has released a new Framework of Standards on cross-border e-commerce. The document sets out 15 global standards on cross-border e-commerce with a view to providing pragmatic, fair and innovative solutions, whilst taking into account the diverse expectations and concerns of Customs administrations and stakeholders. The core essence of the Framework is the exchange of advance electronic data for an effective risk management .

Con provvedimento del 26 luglio 2018, il Garante per la protezione dei dati personali ha ingiunto a Fastweb di pagare una sanzione di 600.000 euro per pratiche di marketing – in specie tramite telefono – contrarie all’art. 164-bis del Codice della Privacy (D.lgs. 196/2003). Il Garante ha contestato a Fastweb cinque violazioni:

  1. violazioni dell’art. 23 e dell’art. 130, co. 3 del Codice per l’accertata mancanza del consenso degli interessati (prospect ed ex-clienti Fastweb) rispetto al trattamento dei dati personali per finalità di marketing;
  2. violazione dell’art. 13 del Codice per la carente informativa fornita agli interessati, al momento del perfezionamento della proposta d’acquisto, con particolare riferimento alla profilazione a cui sarebbero stati sottoposti (i prospect ed ex-clienti venivano suddivisi in categorie “anziani”, “basso spendenti”, “alto spendenti”);
  3. violazione dell’art. 23 del Codice per la mancata acquisizione di un distinto consenso marketing ai fini della profilazione degli interessati;
  4. violazione dell’art. 37 del Codice per l’incompleta notificazione al Garante dei dati oggetto di profilazione;
  5. violazione dell’art. 164-bis, co. 2 del Codice per aver posto in essere le violazioni a), b), c), e d) in relazione a “banche dati di particolare rilevanza e dimensioni”.

Ultimi giorni per le iscrizioni alla nuova edizione del Master di Responsabile delle questioni doganali, valevole per il conseguimento del requisito «Standard pratici di competenza in materia doganale» ai fini dell’ottenimento della qualifica AEO (Authorised Economic Operator) ai sensi del nuovo Codice Doganale dell’Unione europea.

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 205 del 4 settembre il D.Lgs. n. 101/2018 di adeguamento del D.Lgs. 196/2003 (Codice Privacy) al Regolamento (UE) 2016/679 GDPR. Il nuovo Decreto entrerà in vigore dal 19 settembre 2018 ed apporterà modifiche puntuali al Codice Privacy che, dunque, non viene abrogato.

Usiamo i cookies per offrirti la migliore esperienza possibile su questo sito. Continuando la navigazione o cliccando su "Accetto" autorizzi il loro uso.